Ibrahimovic al Milan: la storia dice che i grandi ritorni non portano bene

Pubblicità

Ibrahimovic può ritornare al Milan ma gli esempi di grandi ex che hanno riabbracciato i milanisti, da Gullit a Shevchenko, non fanno ben sperare

1542998347_ibrahimovic-al-milan-la-storia-dice-che-i-grandi-ritorni-non-portano-bene.jpg

Il Milan dalla passata estate sta lavorando per riportare Zlatan Ibrahimovic in milanista. La trattativa pare oggi dirigersi verso una conclusione positiva e lo stesso svedese ha confermato che sarebbe ben contento di riabbracciare la sua ex squadra . Il direttore generale Leonardo gli avrebbe proposto un contratto di 6 mesi con opzione per un ulteriore anno a 2, 2 milioni di euro a stagione. Il cannonieri di Malmo nel 2011 è stato determinante nella vittoria dello Scudetto con 21 goal in 41 presenze ma in passato sono tanti i grandi campioni che dopo aver lasciato i milanisti sono ritornati senza lasciare il segno.

Pubblicità

Rudd Gullitt ad esempio nella sua seconda esperienza al Milan segna tre goal in otto gare ma si trasferisce di nuovo alla Sampdoria , proprio la squadra da cui proveniva, dopo pochi mesi. Roberto Donadoni riabbraccia il club di via Aldo Rossi dopo aver “svernato” negli Usa ma nonostante abbia vinto uno Scudetto con Zaccheroni nel 1998 non segna neanche un goal. Marco Simone rimette la casacca milanista dopo essersi diviso fra Monaco e Paris Saint Germain nel 2001 ma in 15 occasioni in cui è sceso in campo realizza soltanto un gol. Andrij Shevchenko si trasferisce al Chelsea nel 2006 ma dopo 2 anni torna al Milan per segnare solamente 2 goal in 26 presenze e dimostrando di non essere più il calciatore idolatrato dai tifosi. Kakà è quello che forse ha ottenuto i risultati migliori nella sua seconda esperienza in milanista con 9 goal in 37 presenze.

L’aura negativa che circonda chi torna al Milan non riguarda soltanto i calciatori ma anche gli allenatori. Arrigo Sacchi siede di nuovo sulla panchina del club di via Aldo Rossi nel 1996 per sostituire Oscar Tabarez ma chiude la stagione all’11esimo posto. Lo stesso vale per il collega Fabio Capello , che l’anno successivo si piazzò decimo in Serie A .

(Visited 40 times, 1 visits today)
Please follow and like us:
0
Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.