Milan, tre vittorie consecutive: mister Gattuso ha cambiato la rotta?

Prima la stracittadina, successivamente la sciagurata sconfitta contro il Real Bets. Sono bastati 2 passi falsi per mettere Gennaro Gattuso sul banco degli imputati per parlare di esonero.

Ma il tecnico milanista non si è fatto distrarre dalle voci e ha continuato a lavorare. Sulla tattica e specialmente sulla mentalità dei suoi ragazzi. E così ha ottenuto 3 vittorie consecutive. 3 vittorie sofferte, ma meritate; 2 di queste arrivate soltanto nei minuti finali con le reti di Alessio Romagnoli . Certo, non è tutto oro quello che luccica: il Diavolo  deve ottimizzare sotto moltissimi aspetti, ma è chiaro che vincere aiuta a lavorare meglio. Una frase che ha ripetuto tante volte Rino nelle ultime interviste.

Notizie Milan, le 3 mosse di Gattuso

1541501188_milan-tris-di-vittorie-cosi-gattuso-ha-cambiato-rotta.jpg

Le sconfitte contro Inter e Betis hanno portato parecchio malumore attorno alla squadra. Qualche giornalista ci ha messo poco a tirar fuori nomi per “l’imminente” esonero di Gattuso . E invece Rino ha messo a tacere tutti. Lui così come la squadra, criticata troppo duramente per 2 incidenti di percorso che, in una stagione, capitano e capiteranno ancora. Ma è chiaro che qualcosa è cambiato da lì in successivamente, è indiscutibile. 2° la Gazzetta dello Sport , sono 3 le mosse decisive del tecnico milanista per cambiare rotta e dare al Milan quel qualcosa in più che si è visto nelle ultime gare.

Innanzitutto ha dato una scossa alla squadra a livello mentale. Presumibilmente prima ci si sarebbe accontentati di uno 0-0 a Udine, invece il Diavolo  ha lottato sino all’ultimo attimo: ci ha creduto e alla fine ha avuto ragione. Merito anche di una condizione fisica grandiosa, che consente ai calciatori di restare sul pezzo sino alla fine, diversamente delle altre che invece crollano nelle fasi cruciali delle partite. Ma quello che appare più indiscutibile è il cambio del sistema di gioco.

1539876078_gattuso-e-il-talismano-del-milan-per-il-derby.jpg

Il momento top di Patrick Cutrone è stato la chiave per il passaggio dal 4-3-3 al 4-4-2, modulo che consente a Rino di mettere in campo contemporaneamente Gonzalo Higuaìn e l’ex Primavera. Ma la diversità sta anche nell’interpretazione della partita: il Milan adesso non si limita ad una rischiosa costruzione dal basso, ma lancia lungo quando è il caso e sfrutta meglio le qualità dei propri giocatori. Esempio? Tiemoué Bakayoko , autore di un’ottima gara a Udine, utilissimo anche nel 2° tempo per le spizzate.

A proposito del centrocampista francese. Un’altra fondamentale mossa di Gattuso è il maggior uso della rosa. Evidentemente gli infortuni hanno costretto a Rino a farlo, però nessuno si aspettava delle risposte così positive da quelli che hanno giocato di meno finora. Bakayoko sì, ma chi ha colpito particolarmente è Samu Castillejo , entrato alla ‘Dacia Arena’ con grande desiderio e risolutezza. Gli serve un po’ più di cattiveria sotto porta, come ha sottolineato Gattuso nel post-partita. Ma è assai giovane e migliorerà. Quello che importa, adesso, è la grinta e l’attaccamento alla casacca.

(Visited 31 times, 1 visits today)
Please follow and like us:
0
Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.