Alessio Romagnoli sta crescendo, capitano e leader del nuovo Milan

Alessio Romagnoli determinante con il suo goal in Milan-Genoa 2-1. E’ stato lui con una palombella al 91′ a donare tre punti alla squadra milanista. Un giusto riscatto dopo la sfortunata autorete in circostanza dell’1-1 genoano.

1541158894_romagnoli-capitano-e-leader-del-milan-si-sta-consacrando.jpg

Il difensore romano è capitano e leader del gruppo. Tuttavia la giovane età (23 anni), è stato fra i primi a reagire alle sconfitte contro Inter e Betis guidando anche i compagni fuori dal momento negativo. Delle critiche erano arrivate pure a lui, che però se le è fatte scivolare addosso preferendo riscattarsi sul campo. Sia dall’ex Roma che dai compagni sono arrivate delle risposte, viste le 2 vittorie progressive recenti.

Romagnoli capitano, leader e cannoniere

Romagnoli nel corso della stagione scorsa con Leonardo Bonucci di fianco è cresciuto. Ha trovato quella continuità di rendimento che prima non sempre aveva. Partito il compagno in direzione Juventus, il 23enne di Anzio ne ha ereditato la fascia da capitano e ha anche continuato ad esprimersi su buonissimi livelli. Una conferma della maturazione del giocatore, che adesso ha maggiori responsabilità nel Milan .

Come scritto da Tuttosport , adesso Alessio è il leader della squadra e anche il giocatore dal quale parte la manovra di gioco dal basso. Più volte mette delle pezze agli svarioni di qualche compagno ed è un punto di riferimento nello spogliatoio. La difesa milanista subisce troppo goal, ma raramente si può imputare qualcosa a Romagnoli .

In Milan-Genoa è riuscito a fare una cosa che successe anche a Thiago Silva in Lazio-Milan 1-2 dell’9 novembre 2009: ovvero fare autorete e anche goal nella medesima gara. La prima marcatura a San Siro e la prima anche con la fascia da capitano milanista. E nel post-partita a Sky Sport ha espresso parole da leader della squadra: « E’ stato bello, meritavamo la vittoria, sono stato sfortunato sull’autogol, mi dispiace ma mi sono fatto perdonare. Sono state fatte troppe critiche a questa squadra, dobbiamo continuare a migliorarci e vedere davanti ».

(Visited 9 times, 1 visits today)
Please follow and like us:
0
Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.