AC Milan × nella web dei tifosi dell' AC Milan.
AC Milan
La rete sociale dei tifosi dell'
AC Milan

Silvio vende il Milan: la telenovela continua

ozeni Da ozeni

il 06-08-2015 alle 23:37

Silvio vende il Milan: la telenovela continua
Silvio vende il Milan: la telenovela continua
Silvio vende il Milan: la telenovela continua

Una stretta di mano fra due gentlemen, Bee Taechaubol e Silvio Berlusconi, ha sancito l'accordo per la cessione del 48% dell'Ac Milan.

In realtà, l'accordo non sarà formalizzato prima del 30 settembre quando, e se, l'imprenditore tailandese riuscirà a dimostrare di avere linee di credito per 480 milioni di euro.

L'essere gentlemen è parte sostanziale di questo accordo che, al momento, non presenta garanzie finanziarie.

Come RdC si era permesso di notare, anche la fandonia della penale, in un primo momento prevista addirittura a carico del venditore, è sparita dalla trattativa.

Quidi quali garanzie ci sono che la trattativa vada a buon fine e che l'affare rossonero non sia un negoziato in stile "Murdoch compra Mediaset"?

Entrare nel circuito delle fonti più o meno affidabili che hanno portato a spasso i cronisti da mesi è un gioco a proprio rischio e pericolo.

D'altra parte nessun giornalista è disposto ad aspettare tranquillo la scadenza di fine settembre per riempire le sue pagine e non ci vuole un genio della comunicazione, quale Silvio è, per capirlo.

Per adesso si può notare, una volta di più, che a fronte di consulenti, mediatori, avvocatoni d'affari, nomi roboanti di primarie istituzioni finanziarie internazionali e - la preferita di RdC - la fraterna partnership con il governo della Repubblica popolare cinese, finora non si è vista una fideiussione né una garanzia bancaria.

Perciò è meglio attenersi ai fatti.

1. Bee non ha la taglia imprenditoriale per un affare da 500 milioni di euro e nemmeno per sobbarcarsi l'annunciata penale da 25-35 milioni di euro o per partecipare ai continui aumenti di capitale richiesti da una squadra come il Milan.

2. Berlusconi mantiene molto stretta la governance del club anche in prospettiva di cessione, con la diarchia Adriano Galliani-Barbara.

3. La magior parte dei mediatori coinvolti nel negoziato, da Licia Ronzulli a Pablo Victor Dana, ancora attivo dietro le quinte, sono uomini legati al partito-azienda o, se si preferisce, all'azienda-partito.

4. Il coinvolgimento del governo cinese nell'acquisto dei rossoneri è un bluff considerata la politica di contrasto allo spreco e alla corruzione in atto in Cina. Spreco, corruzione e calcio italiano sono sinonimi.
La tua comunità, nel tuo cellulare
0 VOTI

Grazie per collaborare con noi. Presto controllaremo la notizia che hai denunciato e attueremo di conseguenza.

Nuovi commenti

1 Commenti
diabolik2000

diabolik2000 Silvio , tra 3 mesi non ti vedremo più......

il 20-02-2016 alle 13:53

mircobaby

mircobaby E' una scatola cinese che non si può sapere come sarà il futuro del Milan. Veramente siamo messi maluccio.

il 07-08-2015 alle 13:08

Vuoi partecipare a questa sezione?

- Se sei già membro, entra / loggati.

Se ancora non ti sei registrato nel tifomilan.it: